Torta leggera al limone (con solo albumi e senza lattosio)

giovedì, aprile 28th, 2016

DSC_0015 torta light al limone pp
Alle volte il mondo va un po’ troppo veloce, mentre invece il tuo organismo vorrebbe fermarsi un attimo e godere delle bellezze che lo circondano. Ultimamente mi capita spesso di avvertire questa necessità e così, se il clima lo permette, prendo la mia cagnolina e vado a fare un giretto nella riserva naturale vicinissima a casa. Questo è anche periodo di erbe spontanee commestibili e mi sto divertendo parecchio a raccoglierle: vi avverto già che domani ci sarà la prima ricetta prodotta proprio con il raccolto della mia passeggiata di qualche giorno fa :-)

Insomma, è da adesso in poi che l’organismo si risveglia dalla sedentarietà invernale e la cosa più curiosa è che invece proprio in questo periodo si tende a sonnecchiare a causa della Primavera…o almeno, a me capita e considerando che non sono nemmeno tipo da “sonnellino pomeridiano”, la cosa è abbastanza strana, ma alla Primavera tutto è concesso!

Per ricaricarsi non basta dormire un pochino di più, ma ci vogliono anche cibi leggeri ed il limone è per me un gran toccasana, specialmente al mattino: di solito lo bevo appena alzata, ma di questo particolare intruglio vi parlerò in un altro momento. Oggi invece parliamo di una torta leggerissima, sempre al limone. Si fa utilizzando soltanto gli albumi, quindi è anche un’ottima idea riciclo se magari ne avanzate troppi da altre preparazioni (cosa che a me succede piuttosto spesso) e, cosa importantissima, non contiene neanche un grammo di lattosio. Non c’è burro, nè latte tra i suoi ingredienti ed è molto delicata. Per me è una perfetta torta da colazione! :-D

DSC_0005 torta leggera al limone

Torta leggera al limone (con solo albumi e senza lattosio)
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Autore:
Tipo di ricetta: Dessert, torte da credenza
Cucina: cucina di recupero
Porzioni: 4
Ingredienti
  • 200 g di farina
  • 130 g di zucchero
  • 3 albumi (100 - 105 g circa )
  • il succo e la scorza di 1 limone biologico
  • 100 ml di acqua
  • 100 ml di olio di semi di girasole biologico
  • 1 bustina di lievito in polvere per dolci (16 g)
Preparazione
  1. Versa gli albumi in una terrina. Inizia a montarli ed appena diventano spumosi, aggiungi lentamente lo zucchero in 3 riprese sempre sbattendo. Continua fino a che non risultino montati a neve ben ferma.
  2. In una terrina, setaccia la farina ed il lievito.
  3. Alle polveri, unisci sempre mescolando, l'olio, l'acqua, il succo e la scorza del limone.
  4. A questo punto, unisci anche gli albumi montati a neve con lo zucchero, amalgamando il tutto con una spatola, mescolando dal basso verso l'alto in modo da evitare di smontare il composto.
  5. Imburra ed infarina una tortiera da 20 cm Ø (io ho usato una tortiera tonda apribile della Le Creuset)
  6. Versa il composto ottenuto nella tortiera ed inforna a 180° per 30 - 35 minuti circa. Controlla la cottura con uno stecchino.



Crema pasticcera extra di Christophe Felder

lunedì, aprile 11th, 2016

Crema pasticcera extra Christophe Felder
Ci sono poche cose che mi lasciano senza parole e questa crema pasticcera è stata una di queste. È di Christophe Felder, uno dei pasticceri francesi che seguo di più e l’ho provata perchè era una delle basi che mi servivano per il dolce che vi mostrerò nei prossimi giorni. Ma parliamo di questa crema: è in assoluto la più buona crema pasticcera che io abbia mai mangiato! Così delicata, delicatissima, che sembra di mangiare un vellutino.

È sicuramente molto ricca, ma soprattutto il suo gusto è davvero eccellente.

Provatela e fatemi sapere! Vi aspetto ai prossimi articoli per creare il dolce finale ^_^

Crema pasticcera extra di Christophe Felder
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Autore:
Tipo di ricetta: dessert, ricette basi
Cucina: pasticceria
Porzioni: 4
Ingredienti
per 800 g di crema pasticcera
  • 500 ml di latte
  • ½ bacca di vaniglia
  • 6 tuorli d'uovo
  • 50 g di amido di mais
  • 120 g di zucchero
  • 50 g di burro
Preparazione
  1. Appiana la bacca di vaniglia con la punta di un coltello. Tagliala longitudinalmente ed estrai una parte dei semini al suo interno.
  2. Metti a bollire il latte con questi semini.
  3. In una terrina, sbatti i tuorli con lo zucchero, poi aggiungi l'amido di mais
  4. Fai bollire una seconda volta il latte, quindi incorporane ⅓ al composto di uova, zucchero ed amido di mais.
  5. Mescola bene ed incorpora, sempre mescolando, il resto del latte.
  6. Versare la preparazione in una pentola, senza smettere di sbattere.
  7. Poni la pentola sul gas. Continua a mescolare fino a che la preparazione non diviene densa.
  8. A quel punto, togli la pentola dal fuoco ed aggiungi il burro.
  9. Mescola fino a che il burro non sia ben fuso.
  10. Coprire la pentola con pellicola alimentare per non far formare la crosta e far raffreddare.
  11. Riporre in frigo quando fredda.

 

 



i segreti dell’impasto per una pizza perfetta

lunedì, aprile 11th, 2016

pizza
Mia mamma era una grande amante della pizza e le riusciva veramente benissimo: morbida, ben lievitata, gustosissima. A lungo andare era diventato il suo cavallo di battaglia, tanto che ad ogni festa, la sua pizza era la protagonista inidiscussa.

Fare una pizza impeccabile è la missione vitale di ogni casalinga/mamma/nonna/zia che si rispetti, ma purtroppo non tutte hanno quella naturale vocazione per cui basta semplicemente mettere insieme qualche ingrediente et voilà, ecco che il composto prende forma e si trasforma in una delizia senza precedenti. Soprattutto nel caso delle pizze, i rischi di fallire sono dietro l’angolo, perché se è vero che il gusto è l’aspetto più importante quando si parla di cibo, c’è da dire però che anche l’occhio vuole la sua parte.

Pensate, una mia cara amica un giorno mi disse che aveva ormai rinunciato a pizza e livitati fatti in casa perché non le riuscivano in nessun modo! Ma veramente è così difficle riuscire a fare una buona pizza in casa? Secondo me, no, ma sicuramente ci sono tante accortezze da prendere come ad esempio il tipo di acqua da utilizzare e la sua temperatura, il lievito, quando inserire il sale nell’impasto, ecc.

Nella preparazione della pizza ci sono infatti alcuni aspetti che forse non tutti prendono in considerazione, ma che sono fondamentali per far in modo che il risultato non deluda le nostre aspettative e il nostro impegno. Ad esempio, il piano su cui si prepara l’impasto: i pizzaioli professionisti utilizzano il marmo o il granito, ma anche un tavolo in acciaio potrebbe essere un ottimo alleato in quanto la pasta scivola molto più facilmente.

Per quanto riguarda gli ingredienti, bisogna sempre rispettare le quantità indicate nella ricetta che si vuole seguire e, in particolare, l’acqua deve essere moderatamente dura, aspetto che dipende dai sali di calcio e magnesio che sono contenuti in essa. Il lievito deve essere di birra fresco e bisogna fare attenzione a non mescolarlo con il sale durante la preparazione, per questo è consigliabile utilizzare il sale iodato sciogliendolo nell’acqua prima di versarlo nel composto.

L’aspetto cruciale risiede, poi, nella manualità di chi impasta. Gesti sicuri e veloci (come insegnano le nonne di tutto il mondo) e l’energia che si mette nei movimenti vi permetteranno di ottenere un risultato senza grumi e perfettamente omogeneo. Per esempio, c’è chi stende la pizza con il matterello… Ecco, questo è un errore enorme!!!  In questo modo infatti si rovina la lievitazione e pensate, qualche tempo fa ho visto adoperarlo addirittura ad un pizzaiolo!

Sono invece le mani lo strumento migliore per allargare la pasta dall’interno verso l’esterno. Una volta che l’impasto è pronto, va diviso in panetti e lasciati lievitare senza fretta, processo fondamentale per ottenere il risultato sperato. La lievitazione lunga, infatti, permette alla pizza di essere soffice, croccante e digeribile.

 

L’ultimo “segreto” per ottenere una pizza perfetta è la temperatura del forno: se potete utilizzate la pietra refrattaria, fatela scaldare nel forno per mezz’ora a 250 gradi e, successivamente, infornate la pizza e fatela cuocere per circa 5 minuti. Tutto quello che vi resta da fare, poi, sarà godervi quella che (speriamo) sarà la pizza migliore che abbiate mai mangiato nella vostra vita. Mi raccomando però, utilizzate solo ingredienti di altissima qualità, così sì che riuscirete ad ottenere una pizza meravigliosa e… perfetta!

 

Articolo realizzato in collaborazione con Freccia Inox, azienda specializzata nella vendita online di forniture tecniche per cucine professionali.  



Burger di salmone e cipolle caramellate (senza lattosio)

sabato, aprile 9th, 2016

burger di salmone senza lattosio
Vi ho mai detto che adoro gli hamburger? Proprio così!

Mi piace moltissimo stringere tra le mani il pane morbido ripieno e, con un morso, prendere tutto il ripieno insieme, quindi polpetta-verdura-salsine, eccccc. … la meraviglia, insomma.

L’unico neo in tutto questo è che, come vi avevo detto nello scorso post, purtroppo digerisco malissimo il lattosio. Purtroppo, negli hamburger quest’ultimo lo ritroviamo dovunque, partendo dal pane fino ad arrivare all’hamburger stesso ed alle salsine; non dico niente sul formaggio perchè è ovvio, speriamo, che abbia del lattosio nella sua composizione.

E quindi che fare? Rinunciamo all’hamburger? Non so voi, ma io un bel panino ogni tanto non me lo faccio mancare, nel contempo però, cerco di fare anche in modo di non stare male.

E quindi, iniziamo dal pane: lo trovate cliccando QUI e vi assicuro che, se seguite la ricetta per filo e per segno, riuscirete ad ottenere dei panini perfetti.

Poi bisogna pensare al ripieno: la parte più bella di questo tipo di panino è che praticamente ci potete mettere ciò che volete (senza esagerare però :-D ). Facendolo in casa, la personalizzazione è ancora più facile e per quel che mi riguarda, l’unica cosa che sicuramente non inserisco è il formaggio. Invece mi piace moltissimo giocare con gli abbinamenti di verdure, salse o altro.

L’ultimo panino che ho mangiato, l’ho fatto con un burger di pesce, spinaci e cipolle caramellate.

Ho usato il salmone e da lì con un semplice procedimento, ho creato la polpetta. Poi ho fatto caramellare le cipolle affettate, ho aromatizzato l’olio d’oliva con l’erba cipollina tritata ed infine composto il panino. Vi assicuro che è venuto una goduria unica, provare per credere (e poi fatemi sapere cosa ne pensate)! ^_^

burger di salmone senza lattosio

Burger di salmone e cipolle caramellate (senza lattosio)
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Autore:
Tipo di ricetta: Piatto unico
Cucina: mediterranea
Porzioni: 2 - 3
Ingredienti
  • Panini da hamburger (vedi ricetta QUI)
  • 1 testa di salmone da g 700 circa
  • 1 albume d'uovo
  • pangrattato
  • sale integrale
  • olio extravergine d'oliva
  • spinaci freschi
  • 1 cipolla rossa di tropea affettata sottilmenteù
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 3 cucchiai di aceto
  • erba cipollina
  • prezzemolo
Preparazione
  1. Lava la testa del salmone e cuocila al vapore per 15 minuti.
  2. Lasciala raffreddare per qualche minuto e poi con fare delicato, spolpa tutta la carne dalle guance (io ne ho ricavato circa g 200).
  3. Ponila in una terrina ed unisci l'albume d'uovo, un po' di erba cipollina e prezzemolo tritato. Aggiungi sale, poco pangrattato, giusto per poter formare la polpetta e schiacciarla. Passala in dell'albume (o anche uovo intero sbattuto) ed impanala con del pangrattato.
  4. Infine friggila lentamente in pochissimo olio d'oliva, giusto per farla dorare da entrambi i lati (circa 3 - 4 minuti per lato).
  5. Lava bene le foglioline degli spinaci e mettile da parte.
  6. Cuoci la cipolla: in una padellina, versa un filo di olio e quando è ben caldo, unisci la cipolla affettata. Falla sudare ed unisci lo zucchero e l'aceto. Fai caramellare il tutto.
  7. Componiamo il panino
  8. Taglia il pane a metà. Bagnalo da entrambe le parti con un pochino di olio a cui avrai aggiunto una manciatina di erba cipollina tritata ed un pizzico di sale. Disponi sopra alcune foglioline di spinaci, il burger di salmone, la cipolla caramellata, altre foglioline di spinaci ed un pochino di olio ed erba cipollina. Chiudi il panino e....Buon Appetito! ^_^

 



Mi chiamo Agostina e vi do il benvenuto su Pane, burro e marmellata, un blog che parla di cibo, di fotografia di ingredienti semplici e ricette per gustarli al meglio...Continua

SEGUIMI SU

Iscriviti alla Newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere sempre aggiornato sulle ultime novità!

* = campo obbligatorio

Translate


Use the translator to read this page in your language

seguimi su

LET’S CONNECT



INSTAGRAM FEED

Ultimi assaggi dalla cucina

Torta leggera al limone (con solo albumi e senza lattosio)

Torta leggera al limone (con solo albumi e senza lattosio)

Alle volte il mondo va un po' troppo veloce, mentre invece il tuo organismo vorrebbe fermarsi un att[...]
Crema pasticcera extra di Christophe Felder

Crema pasticcera extra di Christophe Felder

Ci sono poche cose che mi lasciano senza parole e questa crema pasticcera è stata una di queste. È d[...]
i segreti dell’impasto per una pizza perfetta

i segreti dell’impasto per una pizza perfetta

Mia mamma era una grande amante della pizza e le riusciva veramente benissimo: morbida, ben lievitat[...]
Burger di salmone e cipolle caramellate (senza lattosio)

Burger di salmone e cipolle caramellate (senza lattosio)

Vi ho mai detto che adoro gli hamburger? Proprio così! Mi piace moltissimo stringere tra le mani [...]
Panini da hamburger senza lattosio

Panini da hamburger senza lattosio

I panini da hamburger sono deliziosi, ma diventano un problema per chi ha particolari intolleranze a[...]

Ultimi commenti

AWARDS

dmblgit_blue oct 2012

In cucina con loro


Utilizziamo i cookies per essere sicuri che tu abbia la migliore esperienza possibile su questo sito. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere i cookies del sito web. Leggi di più | OK