Mousse al cioccolato fondente, cantuccini e Vin Santo

sabato, maggio 21st, 2016

DSC_0025 mousse cioccolato fondente, cantuccini e vin santo
Vi capita mai di aver voglia di qualcosa di dolce e non aver nulla per soddisfare questo desiderio? Scommetto di sì!

È quello che mi è successo qualche giorno fa: un’improvvisa voglia di qualcosa di cremoso e croccante, dal gusto delicato, ma estremamente cioccolatoso. La ricetta di cui parliamo oggi è proprio così, fatta utilizzando i cantuccini con chunks di cioccolato Sapori 1832.

Adoro i dolci al cucchiaio, ma ancor di più, mi piacciono le monoporzioni, soprattutto perchè trovo molto fine servire ai miei commensali il loro dolce in una bella coppa di cristallo o anche in un piatto dal decoro particolare. Il dolce che avevo in mente si prestava bene alla presentazione individuale e quindi, perchè non provare? ^_^

La mousse al cioccolato che ho utilizzato è fondente ed il suo sapore viene esaltato molto dal gusto particolare di questi cantuccini, creando un connubio assolutamente delizioso. Ho pensato inoltre di utilizzare il Vin Santo, sia perchè credo che, tradizione a parte, questo sia un vino che si adatta particolarmente a questo tipo di biscotto croccante sia perchè volevo qualcosa che contrastasse con il gusto fondente del cioccolato e che dire, secondo me, l’unione di questi tre elementi è assolutamente fantastica.

DSC_0026 mousse cioccolato fondente, cantuccini e vin santo
Il dolce in sè è comunque semplice, quindi vi consiglio di mettervi ai fornelli e provarlo, farete sicuramente un’ottima figura con i vostri ospiti e non dimenticate che, variando il gusto della mousse (alla fragola, al pistacchio, alla mandorla per esempio), è possibile ottenere risultati sempre diversi e particolari.

DSC_0027 mousse cioccolato fondente, cantuccini e vin santo
 
Mousse al cioccolato fondente, cantuccini e Vin Santo
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Autore:
Tipo di ricetta: Dessert
Cucina: Italiana
Porzioni: 10
Ingredienti
Per la mousse al cioccolato fondente
  • 350 g di cioccolato fondente
  • 5 uova codice 0
  • 75 g di burro
  • 2 cucchiai di zucchero


  • 1 confezione di cantuccini con chunks di cioccolato Sapori 1832
  • Vin Santo q.b.
  • cacao amaro in polvere q.b.
Preparazione
  1. Prepariamo la mousse
  2. Fai fondere il cioccolato ed il burro a bagnomaria o nel microonde.
  3. Unisci i tuorli, uno alla volta, al cioccolato, sbattendo il tutto con uno sbattitore elettrico.
  4. Monta gli albumi e quando iniziano a prendere consistenza, unisci lo zucchero in tre riprese, sempre sbattendo, fino ad ottenere una neve ben soda. Incorporare il composto al cioccolato e riponi in frigo per almeno 30 minuti, in modo che prenda consistenza.
  5. Assembliamo il dolce
  6. Ecco cosa devi fare per ogni coppa (le mie hanno un diametro di circa cm 10Ø): immergi 3 cantuccini nel Vin Santo e ricopri il fondo della coppa. Versa sopra un po' di mousse al cioccolato (se abbastanza consistente, crea dei ciuffetti con la sac-à-poche).
  7. Rompi un po' di cantuccini a pezzetti grossolani, immergili velocemente nel Vin Santo, e distribuiscili a piacere, ma abbastanza uniformemente, sulla mousse.
  8. Infine spolverizza il tutto con del cacao amaro.

 



Mozzarella in carrozza

venerdì, maggio 13th, 2016

DSC_0018 mozzarella in carrozza morso
Oggi vi parlo di un piatto che mi piace da sempre: la mozzarella in carrozza.

È una pietanza dalla storia antica: pensate, la sua nascita risale all’Ottocento, nel regno delle due Sicilie, periodo in cui regnava Ferdinando II di Borbone. All’epoca, le classi più povere della popolazione, usavano riciclare gli avanzi ed il modo più gustoso per riutilizzare il pane raffermo e la mozzarella “vecchia” di qualche giorno era quello di unirli e cuocerli insieme. Fu così che nacque la “mozzarella in carrozza”.

Il suo nome invece proviene dalla sua forma. Originariamente, la mozzarella in carrozza era di forma rotonda, perchè il pane veniva tagliato in maniera circolare, come la fetta della mozzarella. Ricordava le ruote di un cocchio, ma in questo caso, invece che re e regine, queste “ruote” trasportavano la regina dei latticini, la mozzarella. Da qui nacque il nome che l’ha resa celebre.

Per quanto mi riguarda, vi posso dire che è una bontà unica, deliziosa ed allo stempo tempo, abbastanza semplice da riprodurre a casa.

Pensate che la adoro fin da piccola ed in casa mia, ogni volta che avanzava del pane raffermo o lo si riduceva in mollica da impanatura, oppure si facevano le mozzarelle in carrozza per cena. Infatti, è un golosissimo modo per recuperare gli avanzi ed evitare sprechi, ma tutto sembra tranne un “piatto antispreco“. Gli ingredienti per farla sono tra i più comuni ci possano essere in casa: pane raffermo (o in cassetta), mozzarella di buonissima qualità, farina, uova ed un pochino di latte.

Vi lascio la ricetta (potete visualizzare il procedimento qui, in questa video ricetta) e mi raccomando, ditemi cosa ne pensate! :-)

DSC_0013 mozzarella in carrozza

Mozzarella in carrozza
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Autore:
Tipo di ricetta: antipasti
Cucina: italiana
Porzioni: 4
Ingredienti
  • 8 fette di pancarrè o pane raffermo
  • 1 mozzarella da 250 g, di bufala possibilmente
  • 3 uova
  • 1 - 2 cucchiai di latte
  • farina q.b.
  • sale
  • olio di semi di girasole biologico
Preparazione
  1. Affetta la mozzarella ad un'altezza di 4 mm, falle sgocciolare bene ed asciugale con della carta assorbente da cucina, se necessario.
  2. Elimina la scorza esterna al pane.
  3. Inserisci una fetta di mozzarella tra due fette di pane e schiaccia bene il tutto, in modo che la mozzarella aderisca al pane.
  4. Sbatti le uova a parte, ed unisci un pochino di latte. Aggiusta di sale e mettei da parte.
  5. Infarina bene ogni mozzarella in carrozza, soprattutto nei bordi, in modo da cercare di evitare fuoriscita di mozzarella in cottura.
  6. Bagna ogni mozzarella nel composto di uova e latte, facendo in modo che il liquido venga ben assorbito.
  7. Friggile in abbondante olio caldo, avendo cura di rigirarle appena iniziano a dorare da entrambe le parti, in modo da evitare di bruciarle. Sono pronte quando sono ben dorate.
  8. Estraile dalla padella e ponile ad asciugare su carta assorbente da cucina.
  9. Servi subito.

 

 

 



Torta leggera al limone (con solo albumi e senza lattosio)

giovedì, aprile 28th, 2016

DSC_0015 torta light al limone pp
Alle volte il mondo va un po’ troppo veloce, mentre invece il tuo organismo vorrebbe fermarsi un attimo e godere delle bellezze che lo circondano. Ultimamente mi capita spesso di avvertire questa necessità e così, se il clima lo permette, prendo la mia cagnolina e vado a fare un giretto nella riserva naturale vicinissima a casa. Questo è anche periodo di erbe spontanee commestibili e mi sto divertendo parecchio a raccoglierle: vi avverto già che domani ci sarà la prima ricetta prodotta proprio con il raccolto della mia passeggiata di qualche giorno fa :-)

Insomma, è da adesso in poi che l’organismo si risveglia dalla sedentarietà invernale e la cosa più curiosa è che invece proprio in questo periodo si tende a sonnecchiare a causa della Primavera…o almeno, a me capita e considerando che non sono nemmeno tipo da “sonnellino pomeridiano”, la cosa è abbastanza strana, ma alla Primavera tutto è concesso!

Per ricaricarsi non basta dormire un pochino di più, ma ci vogliono anche cibi leggeri ed il limone è per me un gran toccasana, specialmente al mattino: di solito lo bevo appena alzata, ma di questo particolare intruglio vi parlerò in un altro momento. Oggi invece parliamo di una torta leggerissima, sempre al limone. Si fa utilizzando soltanto gli albumi, quindi è anche un’ottima idea riciclo se magari ne avanzate troppi da altre preparazioni (cosa che a me succede piuttosto spesso) e, cosa importantissima, non contiene neanche un grammo di lattosio. Non c’è burro, nè latte tra i suoi ingredienti ed è molto delicata. Per me è una perfetta torta da colazione! :-D

DSC_0005 torta leggera al limone

Torta leggera al limone (con solo albumi e senza lattosio)
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Autore:
Tipo di ricetta: Dessert, torte da credenza
Cucina: cucina di recupero
Porzioni: 4
Ingredienti
  • 200 g di farina
  • 130 g di zucchero
  • 3 albumi (100 - 105 g circa )
  • il succo e la scorza di 1 limone biologico
  • 100 ml di acqua
  • 100 ml di olio di semi di girasole biologico
  • 1 bustina di lievito in polvere per dolci (16 g)
Preparazione
  1. Versa gli albumi in una terrina. Inizia a montarli ed appena diventano spumosi, aggiungi lentamente lo zucchero in 3 riprese sempre sbattendo. Continua fino a che non risultino montati a neve ben ferma.
  2. In una terrina, setaccia la farina ed il lievito.
  3. Alle polveri, unisci sempre mescolando, l'olio, l'acqua, il succo e la scorza del limone.
  4. A questo punto, unisci anche gli albumi montati a neve con lo zucchero, amalgamando il tutto con una spatola, mescolando dal basso verso l'alto in modo da evitare di smontare il composto.
  5. Imburra ed infarina una tortiera da 20 cm Ø (io ho usato una tortiera tonda apribile della Le Creuset)
  6. Versa il composto ottenuto nella tortiera ed inforna a 180° per 30 - 35 minuti circa. Controlla la cottura con uno stecchino.



Crema pasticcera extra di Christophe Felder

lunedì, aprile 11th, 2016

Crema pasticcera extra Christophe Felder
Ci sono poche cose che mi lasciano senza parole e questa crema pasticcera è stata una di queste. È di Christophe Felder, uno dei pasticceri francesi che seguo di più e l’ho provata perchè era una delle basi che mi servivano per il dolce che vi mostrerò nei prossimi giorni. Ma parliamo di questa crema: è in assoluto la più buona crema pasticcera che io abbia mai mangiato! Così delicata, delicatissima, che sembra di mangiare un vellutino.

È sicuramente molto ricca, ma soprattutto il suo gusto è davvero eccellente.

Provatela e fatemi sapere! Vi aspetto ai prossimi articoli per creare il dolce finale ^_^

Crema pasticcera extra di Christophe Felder
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Autore:
Tipo di ricetta: dessert, ricette basi
Cucina: pasticceria
Porzioni: 4
Ingredienti
per 800 g di crema pasticcera
  • 500 ml di latte
  • ½ bacca di vaniglia
  • 6 tuorli d'uovo
  • 50 g di amido di mais
  • 120 g di zucchero
  • 50 g di burro
Preparazione
  1. Appiana la bacca di vaniglia con la punta di un coltello. Tagliala longitudinalmente ed estrai una parte dei semini al suo interno.
  2. Metti a bollire il latte con questi semini.
  3. In una terrina, sbatti i tuorli con lo zucchero, poi aggiungi l'amido di mais
  4. Fai bollire una seconda volta il latte, quindi incorporane ⅓ al composto di uova, zucchero ed amido di mais.
  5. Mescola bene ed incorpora, sempre mescolando, il resto del latte.
  6. Versare la preparazione in una pentola, senza smettere di sbattere.
  7. Poni la pentola sul gas. Continua a mescolare fino a che la preparazione non diviene densa.
  8. A quel punto, togli la pentola dal fuoco ed aggiungi il burro.
  9. Mescola fino a che il burro non sia ben fuso.
  10. Coprire la pentola con pellicola alimentare per non far formare la crosta e far raffreddare.
  11. Riporre in frigo quando fredda.

 

 



Mi chiamo Agostina e vi do il benvenuto su Pane, burro e marmellata, un blog che parla di cibo, di fotografia di ingredienti semplici e ricette per gustarli al meglio...Continua

SEGUIMI SU

Iscriviti alla Newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere sempre aggiornato sulle ultime novità!

* = campo obbligatorio

Translate


Use the translator to read this page in your language

seguimi su

LET’S CONNECT



INSTAGRAM FEED

Ultimi assaggi dalla cucina

Mousse al cioccolato fondente, cantuccini e Vin Santo

Mousse al cioccolato fondente, cantuccini e Vin Santo

Vi capita mai di aver voglia di qualcosa di dolce e non aver nulla per soddisfare questo desiderio? [...]
Mozzarella in carrozza

Mozzarella in carrozza

Oggi vi parlo di un piatto che mi piace da sempre: la mozzarella in carrozza. È una pietanza dall[...]
Torta leggera al limone (con solo albumi e senza lattosio)

Torta leggera al limone (con solo albumi e senza lattosio)

Alle volte il mondo va un po' troppo veloce, mentre invece il tuo organismo vorrebbe fermarsi un att[...]
Crema pasticcera extra di Christophe Felder

Crema pasticcera extra di Christophe Felder

Ci sono poche cose che mi lasciano senza parole e questa crema pasticcera è stata una di queste. È d[...]
i segreti dell’impasto per una pizza perfetta

i segreti dell’impasto per una pizza perfetta

Mia mamma era una grande amante della pizza e le riusciva veramente benissimo: morbida, ben lievitat[...]

Ultimi commenti

  • Torta al cioccolato {DOUBLE CHOCOLATE BUNDT CAKE} – In cucina con Giada e Sara { […] ieri sera per caso mentre cercavo spunti per preparare una torta. Quando ho visto la foto di questa non ho avuto più dubbi :... }
  • Ago { La Toscana è splendida, così solare e romantica, la adoro anche io! :-D La schiacciata é favolosa, provala quando puoi perché dà veramente molta soddisfazione!... } – mag 03, 11:32 AM
  • uno spicchio di melone { Io amo...ma proprio AMO la toscana! E la amo anche per questa splendida focaccia...l'ho sempre e solo mangiata! La tua ricetta mi ha incuriosito molto!... } – mag 03, 10:59 AM
  • Ago { Grazie a te!!! :-D } – mag 02, 4:30 PM
  • uno spicchio di melone { Meravigliosa idea per recuperare gli albumi! Grazie per la ricetta! unospicchiodimelone! } – mag 02, 11:53 AM
  • Ago { Ciao Monica! :-D È bellissimo quello che mi scrivi, hai assaggiato alcuni tra i prodotti più buoni della Calabria! Spero proprio che questa ricetta sia... } – apr 07, 10:21 AM

AWARDS

dmblgit_blue oct 2012

In cucina con loro


Utilizziamo i cookies per essere sicuri che tu abbia la migliore esperienza possibile su questo sito. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere i cookies del sito web. Leggi di più | OK