lunedì 4 marzo 2013

28
commenti

Amaretti Calabresi al Bergamotto - senza Glutine e senza Lattosio




amaretti calabresi al bergamotto

Uno dei ricordi più antichi conservati nella mia memoria è costituito dal rumore delle mandorle schiacciate. 
Nonno Agostino ne schiacciava di continuo con il suo martellino ed in tutto il vicinato rimbombava il suono perfettamente ritmato dei gusci che si rompevano.
Era un uomo forte, di carattere, che con l'andare degli anni aveva iniziato ad appoggiarsi ad un bastone (e con il passare del tempo a due) per potersi muovere nei paraggi e svolgere le sue occupazioni mattutine. Era difficile non vederlo scorazzare per la strada, con tutto che era stato operato ad entrambi i femori!

Mio nonno schiacciava mandorle perchè erano il frutto del raccolto annuale. 
Questo è un territorio ricco di primizie: ulivi, mandorli, alberi di agrumi, per non parlare delle annone o della Feijoa...essendo una zona che sorge sul mare e baciata per la maggior parte dell'anno da un bellissimo sole, è investita da un microclima favorevole a tanti tipi diversi di coltivazioni.
E' per questo motivo che le mandorle sono molto presenti nelle nostre ricette tradizionali, come anche l'olio buono ed il peperoncino, ma gli agrumi non sono da meno: il bergamotto che cresce qui, soprattutto, è particolarissimo, tanto da essersi meritato la DOP.

bergamotto

E' un prodotto caratteristico della zona di Reggio Calabria, tanto che moltissimi piatti ed alimenti vengono aromatizzati con il suo estratto (per non parlare del fatto che costisuisce un aroma essenziale nella maggioranza dei profumi), quindi parliamo di cioccolatini, il Panettone natalizio, biscotti, liquori...(ciò che non ho veramente mai capito è il perchè vengano colorati di verde, ma queste  saranno le prossime domande che rivolgerò a qualche bravo pasticcere :-)

Ma veniamo alla ricetta di oggi: gli amaretti. Sono dei biscotti tipici di queste zone, particolarissimi nel loro aroma, sono ospiti fissi durante i matrimoni insieme ai dolcetti in pasta di mandorla... non ricordo un solo matrimonio dove non fossero stati serviti a fine pasto o regalati agli ospiti. Fanno sicuramente parte della nostra cultura.

Tra i tanti dolci elencati sù, c'è un tipo di amaretto aromatizzato al bergamotto e vi dirò, è anche buonissimo! 
Considerate che si fanno velocemente e nel giro di 10 minuti sono già pronti da infornare. L'unico neo è che vanno letteralmente a ruba, quindi è consigliabile farne in grosse quantità! ^_^

amaretti calabresi al bergamotto part

Amaretti calabresi al Bergamotto di Reggio Calabria DOP

Ingredienti
  • 120 gr di mandorle con la buccia
  • 120 gr di zucchero a velo
  • 7 mandorle amare con la buccia
  • 6 gocce di estratto di Bergamotto
  • 20 gr di albume d’uovo (1 albume circa se seguite la versione classica, v. sotto)*
Procedimento

Frullate insieme le mandorle e lo zucchero a velo fino ad ottenere un composto farinoso, perfettamente liscio.
Unite l’albume, amalgamando bene, e le gocce di estratto di bergamotto.
Una volta ottenuto un composto omogeneo, inumiditevi le mani e formate tante palline che andrete a
disporre sulla teglia rivestita di carta forno.
Spolverizzate i biscotti di zucchero a velo ed infornate per 10 -12 minuti in forno preriscaldato a 180°

Nota

- Ponete la teglia al centro, in modo da garantire una cottura uniforme ed omogenea.
- Per quanto riguarda il tempo di cottura, considerate 12 minuti massimi, ma tenete d'occhio il forno e state attenti a non cuocerli troppo, altrimenti risulteranno croccanti internamente (sempre gustosi, sicuramente), mentre la loro consistenza caratteristica è piuttosto morbida.
- Se il composto dovesse risultare troppo morbido, tanto da non riuscire a formare i biscotti con le mani, aggiungete pochissima farina di mandorle in più, giusto per ottenere una migliore consistenza.
- Potete tranquillamente provare la ricetta anche senza estratto di bergamotto, a quel punto otterrete gli amaretti classici.
- *L'albume: il composto deve risultare leggermente appiccicoso (è questo il motivo per cui si inumidiscono le mani), quindi se invece dovesse risultare troppo compatto, invece che leggermente cremoso, aggiungete qualche grammo in più di albume.
Se li fate in versione classica, senza bergamotto, potete inserire un albume intero e se il composto dovesse risultato eccessivamente morbido, unite poca farina di mandorle.
Se invece li fate al bergamotto, rimanete con 20 gr di albume, visto che ci saranno anche le gocce di estratto di bergamotto nella componente liquida.
In tutti i casi, regolatevi con le indicazioni di cui sopra :-)


28 commenti:

  1. A-D-D-O-R-O il bergamotto, qualche anno fa sono riuscita ad averli e li ho usati per preparare il liquore, ma l'anno prossimo, proverò questa ricetta :DDD

    RispondiElimina
  2. devono essere una bomba con il bergamotto, wow!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deliziosi sì, ma buonissimi anche senza! :-D Il bergamotto è il valore aggiunto! :-)

      Elimina
  3. Che bella ricetta e che profumo della nostra terra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D Vero Cocò, è un concentrato dei nostri profumi :-)))

      Elimina
  4. Ora salgono a due le preparazioni per il prossimo we....Ruberò un po' di olio essenziale di bergamotto ai miei saponi, ha il food grade :) ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va benissimo quello lì :-D Provali Flo, fai solo attenzione alla consistenza (come ho scritto nella Nota), ma per il resto puoi andare tranquilla ;-)

      Elimina
  5. sono perfetti i tuoi amaretti carissima, ma sai che solo ieri ho seguito in tv mi pare su melaverde un'intervista ad un calabrese che coltiva con passione da anni il bergamotto e spiegava che ci sono nel mondo moltissime imitazioni di bergamotto ma non sono equiparabili al vero bergamotto che si trova in Calabria, viva il bergamotto di Calabria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)))) Verissimo!!! Sono molto particolari questi bergamotti :-D Ma sapessi quante cose ci sono qui che potrebbero far diventare ricco questo territorio...infinite! :-(

      Elimina
  6. Che bel racconto...è che splendida amaretti! Bravissima!

    RispondiElimina
  7. Sono tornata a leggere la ricetta con calma ed ho realizzato che hai usato l'essenza, mentre questa mattina credevo che li avessi aromatizzati con la scorza e che bella sorpresa è stata, perché così sono più che fattibili!!!
    12 anni fa, la prima volta che assaggiai i dolci reggini al bergamotto, me ne innamorai perdutamente: peccato che per moltissime creme usino quel colorante verde ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giàà Mile, chissà perchè quell'orribile colorante... immagino per distinguerli dagli altri e dare subito il colpo d'occhio, ma fondamentalmente non ce ne sarebbe proprio necessità! :-/
      Sìsì, qui ho usato l'essenza, ma devo pubblicare degli altri dolcetti fatti invece con il succo :-D

      Elimina
    2. Lo avevo immaginato, avendo visto i bergamotti nella foto!
      Resto sintonizzata, come sempre :D

      Elimina
    3. immaginavo che il bergamotto avesse tratto in inganno :-D Ti mando un bacione! :-*

      Elimina
  8. La Calabria è ricca di meravigliosi prodotti..ed è una terra addormentata che aspetta solo il giusto principe azzurro per farla risvegliare.

    p.s. sono 10 anni che mi sono trasferita in calabria.

    Deliziosi e profumatissimi questi amaretti,segno la ricetta e la proverò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Alice, che belle parole hai detto... è proprio così, aspetta solo il giusto principe, colui che metta da parte gli interessi personali e la ami più di ogni altra cosa! Al momento questo personaggio non sembra esistere nella nostra classe politica, abbiamo solo furboni che non aspettano altro che di fregarsi il fregabile ed anche più... :-/
      Ma anche tu vivi in Calabria? Magari un giorno riusciremo anche a conoscerci allora! :-D

      Elimina
  9. Senza bergamotto, sono i primi dolci che mi preparai quando scoprì di essere celiaca...
    E della tua terra ricordo ancora la liquirizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sembra per niente strano Stefy! Ci sono tantissime cose senza glutine di loro e sono davvero infinitamente buone, come questi amaretti: un paio di ingredienti ed hai un signor dolcetto! :-P
      La liquirizia è una gran cosa: pensa che io ho iniziato ad amarla, ma in maniera proprio seria seria, da quando l'ho conosciuta in polvere! Credimi che adesso la metterei su tutto :-P

      Elimina
  10. Ciao Agostina! E' da tanto che cercavo la ricetta degli amaretti perfetti così vedendo i tuoi mi sono fiondata a provarla. Gli amaretti sono venuti non piatti e con le crepe tipiche ma a pallina e senza crosticina... La pasta era consistente per cui mi era venuto il dubbio sulla quantità di albume forse un pò pochino....Dove ho sbagliato secondo te? Il gusto cmq è molto buono ...Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D Tu fai come me mi sa! :-P
      Allora, la consistenza che deve avere l'impasto è morbida, cioè, quando fai la pallina deve rimanere una palletta, ma morbidina, infatti per questo ci si deve bagnare le mani, proprio per evitare che l'impasto si appiccichi alle dita... ma era così? A questo punto mi sa che o ci voleva pochissimo in più di albume, oppure dovevi lavorare di più l'impasto!
      La prossima volta però regolati così: se l'impasto è durino nel lavorarlo metti poco più di albume, se invece è troppo morbido metti un pò più di farinetta di mandorle! E grazie davvero di cuore per averli provati! :-***

      Elimina
  11. ora che si sono raffreddati la crosticina è comparsa...il sapore è buono buono....solo l'aspetto non è come quelli tuoi... ma che consistenza deve avere l'impasto a crudo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-( mea culpa che non ho avuto il tempo di fare le foto del procedimento :-(
      Ti spiego come deve essere, ma spero di riuscire a rifarli presto così te lo mostro proprio: deve essere un impasto morbido, tanto da poter essere mescolato con il cucchiaio... Hai presente l'impasto dei macarons? Questo viene più consistente tanto appunto da poterlo formare a mano, ma resta su quella scia! E' difficile da spiegare però, faccio prima a rifarlo ed a mostrartelo :-D Se riesco, entro domani ti mostro com'è! :-*

      Elimina
    2. Da buona calabrese capatosta ho rifatto la ricetta aumentando la quantità di albume e....tadan! Perfetti! Grazie Ago!

      Elimina
  12. :-))) Evviva!!! :-D Ora comunque la scrivo anche nella ricetta questa faccenda dell'albume! Tanti bacioni e grazie per averla provata!!! :-D

    RispondiElimina
  13. Stasera li faccio solo che al posto dell'estratto che non ho trovato userò il liquore al bergamotto..... ti farò sapere... baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata una bella trovata la tua cara Lucia ed il risultato è stato bellissimo :-D Presto vedrai su questi schermi i tuoi dolcetti! ^_^

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...